Vendere casa ristrutturata

Per vendere casa è meglio ristrutturarla o no? Ed in che misura? Aiuterà a realizzare un prezzo migliore?

Prima di mettere in vendita la vostra casa in cui abitate ormai da quasi un ventennio o, più probabilmente, quella pervenuta da un lascito o da una o più successioni di parenti diretti e/o indiretti, vi sarà sicuramente capitato di porvi queste domande:

“Sarà meglio fare degli interventi di ristrutturazione? Ne varrà poi la pena per realizzare un prezzo superiore ed in un tempo più breve?”

“Magari almeno sugli impianti ormai vetusti e non più adeguati alle normative ed agli standard attuali… però poi saremo costretti ad intervenire anche sui rivestimenti, e così diventerà più impegnativa e decisamente più onerosa! Allora forse è meglio fare la classica “romanella” semplicemente per presentare meglio l’unità immobiliare, con costi limitati, chiamando l’amico fidato in campo edile…”

Questi pensieri e domande che assaliranno le vostre menti prima di prendere la decisione definitiva sono tutti leciti. Ci sono situazioni in cui è davvero difficile prendere la decisione più vantaggiosa per la migliore resa economica per la vostra casa.

Voglio aiutarvi a rendere la vostra scelta più facile sulla base della mia esperienza e delle tante situazioni che ho potuto verificare “sul campo” avendo venduto numerosi immobili di varie metrature che hanno subito interventi di restauro parziali o totali e/o forme di restyling di varia natura.

Conviene ristrutturare un appartamento grande prima di vendere?

Per appartamenti che partono da una superficie coperta di almeno 100 mq non consiglierei mai una ristrutturazione. Il motivo è semplice. Trattandosi di un immobile che, nella maggior parte dei casi, diventerà l’abitazione stabile di un nucleo familiare di 3-4 persone, le probabilità di individuare i gusti e le necessità dei futuri acquirenti sono basse: avranno bisogno di 2 o 3 camere? Può andar bene anche una camera singola? Magari recuperata dall’ex cucina realizzando un’angolo cottura nel comodo soggiorno? Il secondo bagno è ritenuto fondamentale o potrebbe andar bene anche solo un piccolo vano interno alla camera matrimoniale con areazione forzata? Visti gli sport praticati dai ragazzi, potrebbe essere utile ricavare uno spazio da adibire a lavanderia? Per non parlare di colorazioni e tinte dei rivestimenti, nonché materiali per le pavimentazioni che, tra parquet e gres porcellanati, offrono una varietà di scelta impressionante.

Chi si rivolge all’acquisto di una superficie dai 100 ai 140 mq, nella maggior parte dei casi cerca principalmente immobili da ristrutturare prevedendo già nel proprio budget di spesa una ristrutturazione che inciderà in media dai 500 agli 800 €/Mq, e che permetterà di personalizzare gli spazi dell’unità immobiliare prescelta a seconda delle proprie necessità familiari.

Inoltre, quelle ubicazioni ritenute logisticamente strategiche per collegamenti e vicinanza al Centro storico, vengono spesso viste come degli ottimi investimenti per la destinazione a locazioni residenziali brevi o annuali. Questo tipo di metrature ampie, sono spesso soggette a particolari ristrutturazioni che prevedono il rispetto di determinate normative soprattutto nel caso vengano adibite a bed & breakfast, case vacanza, affittacamere ecc.

Nei suddetti casi, se ritenuto davvero utile,  consiglio quindi di limitarsi ad effettuare una semplice tinteggiatura ed a presentare l’immobile pulito e possibilmente libero, per permettere un servizio fotografico soddisfacente prima di essere pubblicizzato sul web.

E le piccole metrature?

Per quanto riguarda invece gli immobili di superficie contenuta, quelli fra i 30 ed i 60 mq, (monolocali e bilocali) il mio consiglio è quello di fare completamente il contrario. In questi casi, infatti, l’interlocutore che la Parte Venditrice va ad intercettare è quasi sempre un single o una coppia che con molti sacrifici sta cercando di acquistare la sua prima abitazione, oppure un investitore che intende mettere a reddito il prima possibile l’unità immobiliare e percepire sin da subito i canoni mensili di locazione.

A questo target di potenziali acquirenti, molto spesso, non dispiace trovare un’immobile recentemente ristrutturato e magari parzialmente o totalmente arredato, dotato degli elettrodomestici e della mobilia di angolo cottura o cucina.  Il fatto di non dover sostenere costi supplementari oltre a quelli del prezzo finale da concordare sarà sicuramente un punto a favore dell’immobile, per non parlare dell’assenza di lavori di ristrutturazione da seguire – a scapito delle proprie attività lavorative e familiari – che molto spesso lievitano in corso d’opera per cause impreviste e si prolungano nel tempo costringendo a temporanei e scomodi alloggi presso genitori o parenti nella migliore delle ipotesi, se non a sottoscrivere contratti di locazione brevi,  mettendo a dura prova anche la più calma delle persone.

Non dimentichiamo le agevolazioni fiscali

Tornando agli interventi da apportare alle abitazioni prima di intraprendere le vendite, i proprietari potranno usufruire delle agevolazioni fiscali attualmente in vigore. Dagli impianti, rivestimenti, serramenti interni ed esterni, alle semplici forme di restyling attraverso servizi di Home Staging, sono infatti numerose le varianti che possono usufruire di diverse percentuali di detrazioni fiscali a secondo del tipo di interventi effettuati all’interno delle abitazioni e che vi permetteranno di guadagnare almeno due classi nella scala del risparmio energetico. Il mio consiglio è sempre quello di effettuare più di un confronto con società di primo livello specializzate ed accreditate presso primari Istituti di Credito, le quali, in numerosi casi, potranno permettervi di abbattere completamente i costi mediante sconti in fattura e cessioni dei crediti, nonché di avere chiarimenti anche relativamente al superbonus del 110% che può coinvolgere addirittura interi fabbricati vogliosi di realizzare il cosiddetto “cappotto termico”.


Vi invito a contattarmi per approfondire anche  le caratteristiche dell’Home Staging, di cui forse avrete sentito vagamente parlare, che con importi contenuti ed attraverso società specializzate, permette di presentare al meglio la vostra casa ai potenziali acquirenti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *