Aste giudiziarie

Formazione su aste giudiziarie e dismissioni pubbliche… La mia professionalità ed i miei clienti mi chiedono di avere anche queste competenze

Nel corso della mia carriera professionale sono stato sempre affascinato ed incuriosito dal mondo delle Aste aventi per oggetto gli immobili principalmente di tipo residenziale ma, non ho avuto mai modo di approfondire l’argomento, né tanto meno di accrescere le mie competenze in questo settore che ho sempre visto come riservato ad un certo tipo di operatori che reputavo troppo distanti dalla mia attività di agente immobiliare nel libero mercato.

Con il passare degli anni ho pian piano ho fidelizzato un gran numero di clienti che, dopo aver acquisito la loro piena fiducia, mi hanno spinto ad accrescere la mia formazione sulle Aste avendo piacere che gestissi parte dei loro patrimoni, ed in particolare una certa liquidità che avrebbero volentieri voluto investire nell’acquisto di immobili a prezzi vantaggiosi con l’intenzione di collocarli successivamente sul libero mercato garantendosi attraverso la mia attività una piacevole plusvalenza.

Ed ecco che, grazie alla professionalità e competenza nel settore delle Aste giudiziarie e Dismissioni del Patrimonio Pubblico di Fabio Spalvieri, che ringrazio per la disponibilità mostrata nel curare la mia formazione, le mie informazioni e conoscenze sono decisamente aumentate.

Il corso e gli aggiornamenti tenuti da Fabio, che tutt’ora seguo con costanza ed attenzione, unitamente ai suoi affiancamenti nei colloqui con i miei clienti ed amici investitori, mi hanno ad oggi permesso di acquisire importanti nozioni sulle dinamiche di svolgimento delle Aste giudiziarie e di quelle pubbliche, nonché diversi incarichi di partecipazione alle gare.

Sull’argomento Aste vi espongo alcuni concetti pratici di base riservandomi in futuro, attraverso altri blog, di entrare maggiormente nello specifico di quelle giudiziarie e relative alle dismissioni pubbliche, nonché sulla finanziabilità delle operazioni di acquisto attraverso l’erogazione di mutui ipotecari, argomento in cui Fabio Spalvieri è maestro.

Sono convinto che queste informazioni risulteranno chiarificatrici e rassicuranti per molti di voi, liberandovi da quelle convinzioni che gli ambienti delle Aste siano da sempre luoghi inaccessibili alle persone “normali” e frequentati da persone poco raccomandabili pronte a speculare sulla pelle della povera gente.

Innanzitutto, rispetto al passato, oggi le aste immobiliari, sia giudiziarie che dismissive, vengono svolte in modalità telematica, adattando le procedure alle rispettive discipline, e gestite da diversi professionisti che, consigliandovi ed assistendovi nel modo corretto, vi permetteranno di effettuare le offerte in serenità presso i loro studi.

Alle Aste possono partecipare qualsiasi persona giuridica o fisica, ad eccezione del debitore, eventualmente rappresentata da un procuratore generalmente costituito da un avvocato. 

Colui che decide di partecipare alle aste intende realizzare un acquisto sicuro che, molto spesso, si rivela anche conveniente, in particolare quando questo è mirato ad una successiva rivendita e non per destinare l’immobile ad una primaria abitazione.

L’asta è anche una modalità di acquisto trasparente poiché la perizia, ossia
la “fotografia” dello stato e delle condizioni del bene, è sempre visionabile; inoltre,
al momento del trasferimento della proprietà, il giudice delle esecuzioni ordinerà che le ipoteche e i pignoramenti siano cancellati, e pertanto, l’aggiudicatario, otterrà l’immobile e sue pertinenze libere da pesi e gravami.

Oltre alle Aste immobiliari giudiziarie, alle quali ricorrono i creditori dell’esecutato (nella maggior parte dei casi Istituti bancari per insolvenze di privati nei pagamenti delle rate di mutuo) che attraverso la vendita all’asta dei beni pignorati desiderano ottenere una liquidità con la quale soddisfare, in tutto o in parte, i propri crediti, mi sto dedicando e specializzando in particolare, con il grande entusiasmo e la passione che da sempre mi contraddistinguono, e grazie agli insegnamenti di Fabio Spalvieri, a quelle dismissive, e cioè relative alla procedura con la quale lo Stato o un Ente Pubblico offrono in vendita un bene immobile (terreno, appartamenti, cantine, box, interi edifici, capannoni ed altro).
Le aste dismissive vengono spesso preferite all’acquisto di un immobile nel libero mercato per diversi motivi che possono essere sintetizzati in quelli seguenti:

  • di tipo economico: il prezzo base di partenza è generalmente inferiore a quello di mercato, con ulteriore possibilità di ribassi successivi, e la scelta molto ampia dato l’elevato numero degli immobili oggetto di dismissione;
  • di sicurezza: i beni sono di solito immuni da pesi o ipoteche data la “qualità” e specificità del proprietario-venditore, essendo questo lo Stato o un Ente pubblico;
  • di trasparenza: la gara è aperta a tutti gli interessati che concorrono all’acquisto a parità di condizioni, di trattamento e di regole; molto difficilmente sono previste posizioni di privilegio o di trattamento preferenziale. Inoltre, lo svolgimento di questo tipo di aste, essendo vincolato al rispetto di una procedura predeterminata di cui tutti i potenziali acquirenti possono preventivamente essere a conoscenza, riduce al minimo la possibilità di fenomeni di corruzione, di inquinamento e di interferenze delinquenziali nelle vendite;
  • di chiarezza delle informazioni: le aste dismissive sono pubblicizzate su quotidiani e siti web e la documentazione che riguarda gli immobili, preventivamente verificata ed eventualmente completata dal notaio incaricato, è a disposizione degli interessati che possono controllare anticipatamente lo stato di fatto e di diritto di ciò che andranno ad acquisire.
  • di semplificazione commerciale: rispetto agli acquisti effettuati da soggetti privati, le vendite effettuate a seguito di aste dismissive hanno per legge agevolazioni di carattere urbanistico in quanto, nella maggior parte dei casi, permettono all’acquirente di presentare, successivamente alla sottoscrizione dell’atto di compravendita, entro una tempistica prestabilita, delle domande di sanatoria specifiche volte a regolarizzare eventuali difformità presenti rispetto all’originario progetto di costruzione.

Come predetto, per ciò che concerne questo blog mi limito a quanto fino ad ora esposto riservandomi di portarvi a conoscenza, in quelli successivi, delle figure professionali che intervengono nelle aste, delle documentazioni consultabili relative agli immobili pubblicizzati ed acquistabili, e delle diverse fasi che intercorrono per ottenere un’aggiudicazione.

Concludo invitandovi, qualora siate incuriositi dall’argomento ASTE e vogliate avere maggiori delucidazioni per poi partecipare, supportati ed affiancati da me e da Fabio Spalvieri, ad una prima asta immobiliare, a contattarmi attraverso il mio sito o telefonicamente per concordare un semplice incontro conoscitivo senza alcun impegno.

In tale occasione potrete avere da Fabio Spalvieri anche interessanti informazioni sulla finanziabilità delle operazioni di acquisto.   E state tranquilli che a rivendere il vostro immobile con una plusvalenza indicativa di un 10/15% ci penserò volentieri io.

3 commenti
  1. Fabio Spalvieri
    Fabio Spalvieri dice:

    Caro Fabrizio, il mondo delle procedure esecutive immobiliari ha bisogno di persone come te: appassionate, serie, competenti. La curiosità è indice di intelligenza ma per affrontare un mercato come questo è necessaria pazienza, perseveranza, attenzione. Sono fiero e felice di collaborare con te all’iniziativa che hai voluto prendere senza preconcetti e, credimi, sei già un passo avanti. Per il momento posso solo ringraziarti e augurarti di chiudere tanti operazioni su immobili pignorati o già in asta. Io farò del mio meglio per essere sempre al tuo fianco. Buon lavoro!!

    Rispondi
    • Fabrizio Costantini
      Fabrizio Costantini dice:

      Grazie Fabio per il tuo incoraggiamento. E’ un grande piacere e di enorme sprono averti in supporto.

      Rispondi

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] approfondito nell’ultimo articolo ma, semplicemente come riepilogo di presentazione, le Aste relative alle dismissioni del patrimonio […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *